AUTO ELETTRICHE, ATTESO UN CROLLO DEI PREZZI

I modelli Ev potrebbero arrivare persino ad essere inferiori alla media dei prezzi delle vetture tradizionali a combustione interna.

Il modesto tasso di adozione delle automobili elettriche nel panorama automobilistico può essere attribuito principalmente ai costi elevati dei modelli EV, risultando così un ostacolo significativo per numerosi potenziali acquirenti. Tuttavia, è plausibile prevedere un’imminente trasformazione di questa situazione.

Secondo un recente studio condotto da Gartner, è plausibile prevedere un significativo decremento nei prezzi delle automobili elettriche nei prossimi anni, raggiungendo livelli persino inferiori alla media dei costi delle vetture tradizionali a motore a combustione interna. Questo cambio di prospettiva potrebbe materializzarsi entro un arco temporale di tre anni, determinando un profondo cambiamento nel panorama del settore automobilistico. La riduzione dei prezzi sarà principalmente attribuibile ai progressi nell’ambito delle tecnologie di produzione delle automobili elettriche, i quali consentiranno di ridurre i costi di fabbricazione e, di conseguenza, i prezzi di vendita.

Un esempio significativo è rappresentato dalla Giga Press di Tesla, un’innovazione che potrebbe contribuire ad accelerare ulteriormente il processo di riduzione dei prezzi. Tuttavia, è importante considerare che vi sono anche aspetti da valutare con attenzione.

Nonostante si possa verificare una diminuzione dei prezzi di acquisto delle automobili elettriche, è plausibile che i costi di gestione aumentino, soprattutto per quanto riguarda le spese di riparazione, le quali potrebbero registrare un incremento del 30% o addirittura superare il valore residuo del veicolo. Questo potrebbe indurre alcune compagnie assicurative a escludere dalla copertura determinati modelli.

Nonostante si prospetti un mercato più accessibile per le automobili elettriche, Gartner prevede comunque notevoli sfide per il settore dell’elettrico. Secondo il rapporto, entro il 2027, circa il 15% delle aziende produttrici di veicoli elettrici che hanno fatto la loro comparsa negli ultimi dieci anni potrebbe andare incontro a fallimenti o essere oggetto di acquisizioni da parte di altri gruppi. Inoltre, si prevede una graduale eliminazione degli incentivi governativi per l’acquisto di automobili elettriche, un processo già avviato in alcuni paesi, come nel caso del Regno Unito, dove gli incentivi per i privati sono stati interrotti, rimanendo in vigore solo per le aziende.